Alessandro Gazzi official web site

POST TRAINING. Martedì 16 gennaio 2018

Sto per riemergere. Ancora qualche minuto. I muscoli che si rilassano, il battito cardiaco che rallenta, il respiro che si normalizza, la mente che ritorna a galla. Gocce di sudore, lente, scendono sulla mia fronte rugosa. Colano dense, movimenti minimi, riflessioni. Me ne sto seduto sulla panca in legno, dura, a fissare il pavimento sporco di questo spogliatoio lungo e stretto. Vuoto. Una ventola rumorosa inchiodata ad un angolo del soffitto bofonchia continua. Le luci al neon illuminano grumi di moda aggrappati agli appendiabiti in ferro. L’impianto stereo disattivato sembra reclamare musica pop mentre il silenzio si gode gli ultimi frammenti compressi. L’allenamento è concluso, il mio lavoro terminato. Ho anticipato di qualche secondo il resto della squadra. Fra poco rientreranno tutti i miei compagni. Sarà la stanchezza o la soddisfazione di quello che sono riuscito a dare oggi ad alleggerire l’animo. Fuori sento gli scarpini impantanati che sbattono sulla lamina di ferro inchiodata al muro, le voci confuse, qualche urlo. Ancora non è rientrato nessuno. Non c’ è nessuno. Solo io. A volte il calcio si riduce a poco, quasi nulla, a te stesso seduto al tuo posto nei secondi successivi post allenamento che ti isolano solitario dal resto della squadra. Sono orgoglioso del lavoro svolto oggi. Sono orgoglioso del lavoro svolto da tutti. A quasi 35 anni dopo migliaia di allenamenti mi ritrovo qui di nuovo, per l’ennesima volta, ad essere in pace con me stesso. Ancora immerso, ascolto le vibrazioni fluttuanti del mio corpo che si aggrappa all’immagine delle corse appena concluse e penso. Penso a Niente: niente è l’intera seduta svolta, possesso palla, scatti, passaggi, contrasti, agonismo, concentrazione, vuoto. Il vuoto mi gratifica: il vuoto appaga, piega la memoria, plasma sensazioni, riconduce il corpo ad una dimensione remota. Ed il primo allenamento della settimana diventa, di nuovo, esperienza. Esistenza. Sto per riemergere, la pressione agonistica sta svanendo, qualcuno, prima o poi mi ridesterà dalla catalessi nella quale sono sprofondato. La consapevolezza respirerà ossigeno, due battute con Mike e ritornerò a galla. Ed il mondo immaginario, reale o presunto che ho visto sarà soltanto vapore che emerge da una terra ancora incandescente. Le endorfine, a tratti, sono una dipendenza. Entra Andrea. Galleggio.

 

Questo sito utilizza i cookie

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto